BelgioEuropaViaggi

Piccola guida sulle città europee: 10 cose su Bruxelles

Dopo il diario del weekend in Belgio non poteva mancare la mia miniguida dedicata a Bruxelles.

In questo post troverai dieci informazioni e curiosità per una piccola infarinata sulla città di Bruxelles.

10 cose su Bruxelles

  • 1. Bruxelles è la capitale del Belgio, la moneta è l’euro e il fuso orario è lo stesso dell’Italia. La lingua parlata è il francese, ma parlano anche olandese e tedesco.
  • 2. La città ha sette linee di metropolitana numerate da 1 a 7, la settima è di superficie. Il biglietto costa 2,10 euro e vale per una sola corsa di metropolitana, ma puoi cambiare linea usando lo stesso biglietto.
  • 3. Ho sentito dire che il periodo migliore per visitare Bruxelles è la primavera, cioè quando ci sono stata io. Non l’ho ancora capito ‘sto consiglio, visto che a maggio la temperatura media è di 13°C, piove continuamente e tira un vento terribile a qualsiasi ora.
  • 4. Cosa vedere assolutamente a Bruxelles: la Mini-Europe perché merita parecchio, è divertentissima e ottima se hai bambini con te; l’Atomium è gi-gan-te-sco e se vuoi puoi salirci sopra; la Grand Place perché è una delle piazze più belle d’Europa e patrimonio dell’UNESCO, e infine il Parlamento Europeo.
  • 5. Il biglietto per entrare nella Mini-Europe costa 14,30 euro a testa, quello per entrare nell’Atomium 11 euro. Se vuoi visitare entrambi o aggiungere il biglietto all’Oceade (parco acquatico vicino all’Atomium e alla Mini-Europe, il biglietto per adulti costa 18 euro) esistono delle combinazioni di biglietti che ti permettono di risparmiare qualcosina (per esempio Mini-Europe + Atomium 23,40 euro invece di 25,30 euro). Trovi tutte le informazioni direttamente alla biglietteria della Mini-Europe.
  • 6. Due parole: patatine fritte. In Belgio sono particolarmente buone perché vengono fritte due volte, e le vendono anche come street food. Un altro cibo da strada belga è la deliziosa gaufre o waffle: sopra ci metti quello che ti pare e te la mangi mentre passeggi. Però ti sfido a farlo col vento e la pioggia.
  • 7. Il Manneken Pis è l’altro simbolo di Bruxelles oltre all’Atomium e si tratta della statua di un bambino che fa pipì. Il marmocchio in questione è alto cinquanta centimetri e si trova all’angolo di una strada. Esistono altre due statue simili al Manneken Pis, ma meno famose: si tratta di Jeanneke Pis e Zinneke Pis, rispettivamente la bambina e il cane che fanno pipì. Non è un bel messaggio, pare che i belgi siano un popolo di incontinenti.
Il Manneken Pis
  •  8. Piatti tipici da assaggiare in Belgio: la carbonade à la flamande, in olandese Stoverij o Stoofvlees, cioè stufato di manzo cucinato nella birra con alloro e timo, servito solitamente insieme alle patatine fritte; waterzooi, un piatto tipico fiammingo che consiste in una zuppa di pesce e verdure, e infine le moules-frites, piatto composto da cozze bollite e patatine fritte. In molti posti trovi anche piatti tipici della cucina francese, come le escargot o le crêpes salate.
  • 9. Il Belgio è famoso per il cioccolato, quindi troverai decine e decine di cioccolaterie: il cioccolato più buono lo trovi da Neuhaus, Godiva, Mary e Leonidas (quest’ultimo è famoso per le praline). Se vuoi risparmiare un pochino, trovi le tavolette di cioccolato Godiva anche in diversi supermercati locali.
  • 10. Il Belgio è famoso anche per la birra, per esempio la birra bianca. Qua trovi l’elenco delle birre più famose.

 

Sei mai stato in Belgio? Cos’altro aggiungeresti a questa piccola guida? Cosa ti ha incuriosito di più delle cose che ho scritto? Lasciami un commentino o un like se pensi che questo post se lo meriti!