facebookpixel
thumimg

Giubileo della Misericordia 2016: istruzioni per l’uso

Italia / Lazio

lafolle 4 Gennaio 2016 0

Il significato del Giubileo della misericordia del 2016 è un argomento che volevo affrontare da un paio di mesi.

Oggi proverò a fornirti una versione for dummies del Giubileo della misericordia a Roma: cosa significa, cosa rappresenta per la mia città e per i pellegrini che accoglieremo quest’anno, e infine il calendario degli eventi.

Spero che per te sarà una lettura interessante, fammi sapere cosa ne pensi con un commento!

Giubileo della misericordia 2016: Castel Sant'Angelo
Castel Sant’Angelo

Cos’è il Giubileo?

La parola Giubileo viene dall’ebraico Jobel, che non è l’antenato dello jodel ma vuol dire ariete, e si riferisce al corno dell’animale usato per dare inizio alle cerimonie ebraiche sacre.

Per i cattolici il Giubileo rappresenta un anno di penitenza e di liberazione da tutti i peccati.

Il Giubileo viene detto anche Anno Santo e ce ne sono due tipi:

il Giubileo ordinario, cioè quello che cade in anni prestabiliti, come quello del 2000;

il Giubileo straordinario, indetto in occasione di avvenimenti importanti, come il Giubileo della misericordia 2016.

La storia del Giubileo

Ci sarebbero tracce del primo Giubileo nelle testimonianze del 1200, sotto Papa Innocenzo III, ma fu Papa Bonifacio VIII il primo ad istituire un vero e proprio Giubileo, nel 1300.

Bonifacio VIII infatti emanò una bolla papale per dichiarare che avrebbe concesso indulgenza a chi avesse fatto visita almeno trenta volte (per i romani) o quindici volte (per gli stranieri) alla Basilica di San Pietro e alla Basilica di San Paolo fuori le mura, per tutta la durata dell’anno 1300.

Cioè, capisci? Bisognava andare almeno trenta volte alle basiliche. Fallo adesso, col traffico e i mezzi pubblici in ritardo. Se riesco a raggiungere le basiliche per trenta volte di fila senza scapocciare tu non è che mi perdoni, tu come minimo me fai santa!

Scala elicoidale dei Musei Vaticani, Giubileo della Misericordia
Testimonianza di quella volta in cui sono riuscita a raggiungere i Musei Vaticani

Comunque, con la stessa bolla papale fu comunicato anche un intervallo tra un Giubileo ordinario e l’altro di cento anni, che poi tra una cosa e l’altra diventarono venticinque.

Il prossimo Giubileo ordinario, perciò, è previsto per il 2025 cioè a venticinque anni di distanza da quello del 2000; il Giubileo straordinario di quest’anno, ovvero il Giubileo della misericordia 2016, è stato indetto da Papa Francesco in occasione del cinquantesimo anniversario della fine del Concilio Vaticano II, che cadeva l’8 dicembre 2015, ed è dedicato, come dice il nome, alla misericordia.

Giubileo della misericordia 2016: l’apertura della Porta Santa

L’unica cosa che hanno capito tutti del Giubileo è che ad un certo punto hanno aperto ‘na porta. Io me so’ informata, e alla fine qualcosa l’ho capito.

Allora.

Una porta santa è una porta di una basilica che simboleggia, per il fedele che la attraversa, l’unione con Dio e il raggiungimento della salvezza. Viene letteralmente murata e rimane così fino all’arrivo di un Giubileo.

Il motivo per cui non abbiamo visto Papa Francesco prendere a testate un muro è che Papa Giovanni Paolo II, all’epoca, fece una piccola modifica al rito della Porta Santa: i muri adesso vengono rimossi da alcuni operai qualche giorno prima dell’apertura, così il papa regnante deve semplicemente aprire i battenti con le manine e fare ciao ciao ai fotografi. Rapido e indolore.

Papa Bergoglio, Giubileo della Misericordia 2016
“Bella rega’, vado a apri’ ‘a Porta” [Photo by Ashwin Vaswani/Unsplash]

Il Giubileo della misericordia è iniziato ufficialmente l’8 dicembre 2015, con l’apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro. La domenica successiva, il 13 dicembre, sono state aperte le porte sante di altre due basiliche maggiori di Roma: San Giovanni in Laterano e San Paolo fuori le mura.

A seguire verranno aperte tutte quelle delle chiese e delle diocesi che, in tutto il mondo, hanno messo a disposizione una Porta Santa per i fedeli che non hanno modo di venire a Roma. La porta di Santa Maria Maggiore, per esempio, è stata aperta il 1 gennaio 2016.

Il significato del Giubileo della misericordia 2016 per i fedeli

Nel 1300 toccava visitare le basiliche trenta volte per farsi perdonare dei propri peccati, ma adesso? Cosa deve fare un fedele per ottenere l’indulgenza?

Ecco la risposta: bisogna recarsi in pellegrinaggio a Roma entro la fine del Giubileo ed attraversare una delle porte sante delle quattro basiliche romane recitando il Credo e una preghiera per Papa Francesco; poi bisogna assistere ad una Messa o ad un’altra preghiera, e ricevere la comunione. Una volta sola, pare. E meno male, perché co’ ‘sto traffico chi si muoveva più?!

Dopo il pellegrinaggio e la Messa ci si deve anche impegnare in opere di carità che esprimano il proprio pentimento.

I fedeli che non hanno la possibilità di venire a Roma possono ottenere l’indulgenza facendo la stessa cosa presso una delle porte sante delle chiese che ne hanno una. L’elenco lo trovi sul sito del Giubileo della misericordia, nella pagina delle Porte della Misericordia.

Per quello che riguarda malati e carcerati che desiderano il perdono dei propri peccati, i primi potranno pentirsi ricevendo la comunione in casa propria o partecipando alla Messa attraverso i mezzi di comunicazione; i secondi, invece, possono partecipare pregando mentre varcano la porta della loro cella, usandola come simbolo della Porta Santa.

Il Calendario giubilare

Se sei interessato a partecipare attivamente al Giubileo della misericordia 2016, questi sono gli eventi in programma quest’anno per quanto riguarda Roma:

  • 15 gennaio 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 17 gennaio 2016: Angelus di Papa Francesco in Piazza San Pietro, Giubileo dei migranti
  • 25 gennaio 2016: Celebrazione Ecumenica nella Basilica di San Paolo
  • 30 gennaio 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 2 febbraio 2016: Giubileo della Vita Consacrata, Basilica di San Pietro
  • 6 febbraio 2016: Giubileo dei gruppi di preghiera di Padre Pio
  • 19 febbraio 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 20 febbraio 2016: Udienza Giubilare e Giubileo dei donatori di sangue, Piazza San Pietro
  • 3 marzo 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 12 marzo 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 20 marzo 2016: Giornata Diocesana dei Giovani, Piazza San Pietro
  • 9 aprile 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 15 aprile 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 30 aprile 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 14 maggio 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 20 maggio 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 17 giugno 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 18 giugno 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 30 giugno 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 8 luglio 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 7 settembre 2016: Giubileo dei docenti universitari e dei centri di ricerca e di alta formazione, Aula Magna della Pontifica Università Lateranense
  • 10 settembre 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 16 settembre 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 1 ottobre 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 21 ottobre 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia
  • 22 ottobre 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 1 novembre 2016: Santa Messa al cimitero di Prima Porta
  • 12 novembre 2016: Udienza Giubilare, Piazza San Pietro
  • 18 novembre 2016: Catechesi Giubilari presso la Chiesa di Santo Spirito in Sassia

La data della fine del Giubileo è il 20 novembre 2016. Per i dettagli sulle date del calendario giubilare, clicca qui.

→ Leggi anche: visita ai Musei Vaticani

→ Leggi anche: un giro a Castel Sant’Angelo

Detto questo, cosa pensi del Giubileo della misericordia 2016? Parteciperai anche tu venendo a Roma, o conosci qualcuno che lo farà?

Ricorda di condividere questo post sui social se ti sono stata utile, e di seguirmi su Facebook e Instagram per essere sempre aggiornato/a sui nuovi articoli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *