ChiacchiereListographyRubriche

Listography #14: i miei libri preferiti

Quattordicesima lista. In pratica sto pubblicando solo questo da settimane, eh? .___. Good job, Anna. Good job.

C’è bisogno che ti dica che l’iniziativa è di Nadia del blog The Life In A Year, che puoi saperne di più cliccando sul banner qui sotto e che in sostanza stiamo sbattendo le vergogne della nostra vita privata a destra e a manca da un sacco di tempo? Come? L’ho appena detto? Ah. Eh, vabbè. Pazienza.

The Life In A Year

Your favorite books

Cioè i miei libri preferiti.

Su quest’argomento non ho molto da dire, perché non sono una persona che legge tantissimo. Ok, conosco gente che sta messa molto, molto peggio e che un libro sa a malapena cos’è, e io per questo mi sento molto, molto, molto superiore, ma sorvoliamo. Io leggo solo se mi sento molto ispirata e se il libro mi piace proprio tanto.

Di solito mi butto o su libri che parlano di viaggi, e ci metto un casino di tempo a trovarli perché cerco solo racconti in prima persona, oppure vado su libri non troppo impegnativi, tipo i libri di Luciana Littizzetto o i romanzetti che si leggono in un paio di giorni, di cui in questo momento non ricordo i titoli.

Comunque ecco i miei preferiti, almeno per ora:

Storia proibita di una geisha, di Mineko Iwasaki

Si tratta dell’autobiografia della geisha che ha ispirato il film Memorie di una geisha. E’ un libro bellissimo, e guai a chi osa pensare che una geisha sia una prostituta. Sono due cose completamente diverse!

Il divano del Nord, di Ennio Cavalli

Ne ho già parlato qui. Parla dei viaggi di Ennio in diversi Paesi della Scandinavia, Svezia in particolare.

Aléxandros, di Valerio Massimo Manfredi

Sono tre libri che raccontano la storia del grande Alessandro Magno. Per un certo periodo sono stata fissata con i romanzi storici di Manfredi, anche se ho sempre odiato la Storia come materia.

Chimaira, sempre di Manfredi

Ambientato a Volterra, un ricercatore trova un’anomalia tra i resti di una tomba etrusca e decide di risolvere il mistero. Nel frattempo spuntano una serie di morti uccisi da una belva gigantesca. Un romanzo che somiglia un po’ ad un giallo e che si legge con più facilità rispetto agli altri romanzi di Manfredi.

 

Conoscevi almeno uno dei miei libri preferiti? E quali sono i tuoi libri preferiti?