Consigli di viaggioEuropaRegno UnitoViaggi

Londra: quanto costa visitarla e dove cambiare i soldi

Prima di raccontarti cosa è successo durante il mio ultimo viaggio, ho pensato di scrivere dei post utili per chiunque stia pensando di andare a Londra per la prima volta. Ci sono un paio di cose che all’inizio mi sono sembrate veramente un casino, quindi ci tengo a parlarne riportando anche la mia esperienza diretta (così te incasino ancora deppiù).

Ho deciso di dividere gli argomenti in tre post: i costi di un viaggio a Londra e il cambio della sterlina, la questione Oyster card o Travelcard e infine una lista di siti e blog che mi hanno aiutata a capire meglio la città e a risparmiare qualcosa sui biglietti (sì, ho detto anche blog *zan zan zan zan zan zan).

In questo primo post dunque ti parlerò dei costi generali del viaggio e della sterlina. Sei pronto a prendere appunti?

Quanto costa visitare Londra?

Londra è una città piuttosto cara, tutto costa di più rispetto all’Italia e a molti Paesi che ho visitato in precedenza. I monumenti, i costi dei mezzi pubblici, cenare fuori, dormire negli alberghi, tutto porca paletta.

Prima di partire mi sono fermata un attimo a fare un conto dei soldi che avrei speso e di quelli che avrei dovuto convertire in sterline e, guardando il totale che veniva fuori per due persone, sono franata sotto al tavolo in preda alle convulsioni.

Ti dico qualche numero, così ci capiamo meglio: quattro notti in un albergo per poracci, tre stelle senza colazione (nel mio caso 320£ totali, circa 450 euro, e per Londra è un prezzo basso), una media di 70£ al giorno per mangiare (circa 98 euro, se per caso avessimo deciso di mangiare al ristorante), la ricarica della Oyster card per due, un paio di musei e chiese a pagamento, qualche soldo per eventuali spese in più ed eravamo già oltre i 1000 – sì, ho detto MILLE – euro.

E’ per questo che ho escluso il Madame Tussauds (biglietto a 33£, cioè 46,43 euro a testa), e qualche altra cosa che volevo vedere, anche se alla fine avevo pure trovato qualche sconto.

Per quanto riguarda gli alberghi: dubito che si possa considerare la fine di ottobre un periodo di alta stagione (se sei stato a Londra in altri periodi puoi confermare?), e considerando che noi in viaggio spendiamo generalmente 80-90 euro a notte in camera doppia, a Londra abbiamo pagato ‘na cifra per dormire in un posto piccolo e zozzo, detta proprio così (capito quella che non ne sbagliava una grazie a TripAdvisor?).

Le guest houses e gli alberghi classici con recensioni decenti non scendono sotto i 130-140 euro a notte, anche se fuori dal centro e senza colazione, che di solito si paga a parte. Se vai sotto tale cifra, come vedi è facile prendere la sòla.

I musei e le chiese londinesi hanno prezzi variabili ma altini: la Tower of London costa 24,50£ (circa 34 euro), il Madame Tussauds l’ho già detto, Westminster Abbey 20£ (circa 28 euro), St. Paul’s Cathedral 18£ (circa 25 euro), London Eye 19,35£ (27 euro), Churchill War Rooms 16£ o 18£ (23 euro) a seconda del biglietto senza o con donazione.

Bisogna dire anche che ci sono diverse attrazioni gratuite, per esempio puoi entrare gratis nelle Houses of Parliament (dove sta il Big Ben) ed assistere ad una seduta parlamentare, puoi entrare gratis al Natural History Museum, al British Museum (dicono che è gigantesco, al suo interno trovi reperti antichissimi come la Stele di Rosetta) e al Science Museum. Anche la collezione d’arte permanente del Tate Modern è gratuita.

Per il cibo il prezzo è molto variabile: nei ristoranti un piatto principale sta in media intorno alle 10/12£, ma Londra è piena zeppa di pub, più tipici ed economici, e soprattutto di negozietti che vendono street food, ancora più economico.

Qualche consiglio per risparmiare? Uno dei quattro mercatini di Camden Town è interamente dedicato al cibo, ci sono bancarelle di cibo da tutto il mondo – ma veramente da tutto il mondo, mica solo sushi e pizza – e c’è decisamente l’imbarazzo della scelta e dei prezzi. Se invece vuoi mangiare qualcosa di veramente british, a Covent Garden ho trovato un fast food che serve le pie a 5,50£, una sorta di torta rustica tradizionale inglese che di solito viene riempita con carne e servita insieme al purè di patate, molto buona e saporita. Il posto si chiama The Pie Station, ecco il link. Poi dimme che non te voglio bene.

Cambio delle sterline: come regolarsi

Come già saprai, a Londra c’è la sterlina britannica (in inglese pound, composta da 100 pence). Una sterlina corrisponde a 1,40 euro.

Girando su Internet, e avendo cambiato personalmente dei soldi in precedenza, ho capito una cosa importante riguardo il cambio di denaro: non ti avvicinare agli uffici di cambio in aeroporto! Sono comodi, ma i costi sono pazzeschi. L’ultima volta che sono stata a Praga ho cambiato circa 500 euro in aeroporto e mi hanno chiesto qualcosa come 80 euro di commissioni. Tipo ‘na fetta de chiappa vicino all’osso.

Il mio consiglio è: calcola orientativamente quanti soldi ti servono per il viaggio, cambia in sterline solo una piccola parte del totale e metti il resto su una carta prepagata riconosciuta anche all’estero. Io ho fatto così e mi sono trovata benissimo, perché avevo le sterline per i mercatini e le stronzatine, e la carta prepagata per tutte le altre cose (e soprattutto non giravo con troppi soldi in tasca). Avevo calcolato un totale di 800 euro (togliendo qua e là dai 1000 euro di prima), ho cambiato la metà in sterline ottenendo 300£ e gli altri li ho caricati su una carta del circuito Mastercard, che comunque ho potuto usare per qualsiasi acquisto, anche di poche sterline al supermercato. Con la carta fai tutto, conosco qualcuno che è partito per Londra con sole 100£ in tasca e non ha avuto problemi. Male che va ci sono gli sportelli bancomat, e negli aeroporti londinesi ce ne sono alcuni che cambiano gratuitamente gli euro in sterline.

Per ottenere le 300£ sono andata direttamente in banca e credo che sia la cosa migliore: ordini un certo numero di sterline direttamente da loro, litighi col cassiere per quattro giorni di fila e generalmente dopo dieci giorni le hai in mano. Ho pagato solo 3 euro di commissioni indipendentemente dalla quantità di sterline, quindi direi che si può fare.

 

Ok, direi che per oggi è tutto. Spero che questi consigli ti saranno utili per un eventuale viaggio nel fantastico mondo britannico.

Se hai qualche altro consiglio o vuoi raccontare la tua esperienza lasciami un commento qui sotto, non si butta via niente qui! Hai mai cambiato i soldi in banca o al bancomat dell’aeroporto? Anche tu hai preso a testate il cassiere della banca? E che ne pensi dei prezzi londinesi? 

Non dimenticare di condividere se il post ti è piaciuto o se conosci qualcuno che sta per andare a Londra! ♥