#InsidersItaliaLazioRomaRubriche

Roma a tavola: prodotti e piatti tipici

Ammetto che il tema #insiders di aprile mi ha messo in difficoltà. Non perché non sappia cosa si mangia dalle mie parti, ma perché le cose buone sono talmente tante che è difficile ricordarle tutte! Aaargh!

L’argomento infatti è: Roma, prodotti e piatti tipici!

Cosa mangiamo noi romani?

Piatti e prodotti romani

La tipica cucina romana si affida a prodotti poveri, provenienti dalle campagne, rimediati e generalmente abbastanza sostanziosi. Mi vengono in mente almeno tre ricette di pasta che includono il guanciale di maiale, ad esempio. Purtroppo non è il massimo per vegetariani e vegani, ma soprattutto non è fatta per chi sta a dieta!

Prima di parlare di piatti parliamo delle materie prime: quali sono i prodotti tipici della capitale?

Il primo è facilissimo da indovinare, visto che di romano c’ha anche il nome: il pecorino! Una grattugiatina sulla pasta e ciao, è la morte sua.

Il primo maggio è tradizione mangiarlo a pezzi insieme alle fave fresche, preferibilmente pranzando all’aperto e con un buon bicchiere di vino rosso. Noi il primo maggio lo festeggiamo sempre dai miei nonni, pranzando in giardino.

Furono gli antichi romani ad inventare il pecorino romano. Lo sapevi? Io no, l’ho letto adesso su Wikipedia. Epic fail.

Fonte: commons.wikipedia.org

Un altro formaggio tipico è la ricotta romana: buonissima e delicata, a base di latte di pecora. Io la uso per condire la pasta, assieme al guanciale. Ho già detto che il guanciale è praticamente ovunque, vero?

Passiamo alla ciccia, o meglio, alla porchetta. Famosissima quella di Ariccia, un comune nella zona dei Castelli Romani. Generalmente viene cotta allo spiedo e insaporita in vari modi, spesso col rosmarino. Puoi trovarla facilmente nelle fraschette e dai pizzicaroli (i salumieri) dei Castelli Romani, ma la trovi soprattutto dai porchettari, che te la servono dentro una rosetta calda spaccata a metà.

Passiamo ai piatti tipici romani.

La prima è senza dubbio la famosissima pasta alla carbonara, che si chiama così perché si dice che fosse la pasta dei carbonai (o carbonari). Qualcuno sostiene che il pepe rappresenti il carbone.

Gli ingredienti principali sono uova, pepe nero e guanciale e l’ideale sarebbe utilizzare gli spaghetti o i rigatoni. A me piace far cuocere il guanciale nel suo grasso, senza aggiungerci niente, ed utilizzare un pochino di latte per rendere l’uovo più cremoso. Viene ‘na favola, te l’assicuro!

Fonte: wikipedia.org

Un altro piatto che viene associato alla nostra cucina è il bucatino all’amatriciana, ma in realtà la ricetta è originaria di Amatrice, un bel paesino in provincia di Rieti, al confine con l’Abruzzo.

Questa non la preparo così spesso, comunque gli ingredienti principali sono guanciale, sugo di pomodoro, pecorino e un pizzico di peperoncino, visto che è un sugo leggermente piccante. La versione senza sugo di pomodoro è chiamata pasta alla gricia. Devi dirlo alla romana, griscia, con la C strascicata.

Fonte con ricetta: alimentipedia.it

Tornando a Roma, concludo il capitolo pasta con quella cacio e pepe. Il cacio è il pecorino romano, il pepe è… il pepe (ma va’?). Si prepara con un po’ d’acqua di cottura della pasta.

Passiamo ai secondi piatti: coda alla vaccinara, carciofi alla giudia e saltimbocca alla romana. Non sono una grande fan dei primi due, la coda alla vaccinara (coda di bue cotta in un sugo di verdure) in realtà non l’ho mai assaggiata e comunque non è un piatto che cuciniamo spesso in famiglia, anzi, direi che non lo cuciniamo mai. I carciofi alla giudia sono carciofi romaneschi fritti, molto buoni, mentre i saltimbocca alla romana sono fettine di vitello arrotolate con prosciutto crudo e foglie di salvia e cotte nel vino bianco. Sono abbastanza facili da preparare.

Saltimbocca alla romana, fonte: wikipedia

Infine, un dolce: er maritozzo co’ ‘a panna.Più romano de così. E te lo butto lì così, a bruciapelo, senza avvisare.

maritozzo con panna
Fonte: www.agrodolce.it

 

Se ti ho convinto a provare almeno uno di questi piatti e hai in mente un viaggio qui a Roma, ti consiglio di provare una delle tante fraschette dei Castelli Romani: sono trattorie tipiche che spesso servono tutto quello che ho elencato in questo post, porchetta compresa. Le migliori sono a Frascati e ad Ariccia.

Quali sono i piatti e i prodotti tipici romani che hai assaggiato? E quali sono quelli della tua città? Lasciami un commento qui sotto!