E’ un po’ che non ti straccio i maroni coi fantastici riassunti del mese, eh? Tra la pausa di marzo e i post arretrati stavolta ho deciso di ammucchiare due mesi e fare un riassunto solo, anzi ne approfitto per chiederti che ne pensi: preferisci un mese in otto punti oppure due mesi insieme? Scrivimelo in un commento!

E ora andiamo avanti: ti racconto marzo e aprile!

Riassunto di marzo e aprile 2016

Musica del mese

Le due canzoni che ho sentito di più nell’arco degli ultimi due mesi sono state Birds dei Coldplay, che mi rilassa un casino, e Stressed Out dei Twenty One Pilots per i momenti in cui serviva un po’ di carica in più. Ti metto il video di Birds perché l’altro fa un po’ cagare.

Film e serie del mese

Non ho visto film rilevanti, però ho guardato le puntate di Grey’s Anatomy quasi in contemporanea con l’uscita negli Stati Uniti e ora sto tipo alla 12×18 o 12×19.

Non ti spoilero niente, te dico solo che sto iniziando a provare una certa simpatia nei confronti di Riggs. Non so bene perché, più si va avanti e più sembra solo uno stronzo. Forse mi mancano i film con quel cattivone di Tom Hiddleston. A proposito, mi consigli qualche altro bel filmone con Tommino bello? L’ho già visto in Thor, Midnight in Paris, Crimson Peak (tanto, tanto love per Crimson Peak ♥) e Solo gli amanti sopravvivono. Help!

Ho dato anche una seconda chance a Pretty Little Liars, come molti mi avevano consigliato, ma proprio non mi ispira. Mi dispiace.

Libri del mese

Ho 41985 libri in sospeso, come al solito, ma nel frattempo ho iniziato Se ti abbraccio non aver paura, di Fulvio Ervas. Parla di un viaggio molto speciale in America e spero di finirlo presto, così ne approfitto per rispolverare la rubrica Libri che è rimasta parecchio indietro.

Viaggio del mese

Sono stata a spasso per la mia Roma e ne ho approfittato per vedere posti che non avevo mai visto, come la Basilica di San Paolo fuori le mura e il Cimitero Acattolico del Testaccio. Sono stata anche in un certo ristorante vegano e crudista, se mi segui su Instagram e Facebook sai già di quale sto parlando. Presto ne parlerò anche qui.

La settimana scorsa sono stata a Napoli, finalmente. Ho rivisto la mia adorata Lucia (♥) che si è rivelata essere una bravissima guida turistica – soprattutto per la parte gastronomica – e grazie a lei ho rivalutato completamente Napoli, che nei miei ricordi era tutto tranne che una splendida città di mare. Ho mangiato una pizza che fermate, è stato come se non ne avessi mai mangiata una in vita mia. Giuro. E pensa che nei miei tre anni a Napoli ne avevo provate diverse di pizze napoletane, e proprio non riuscivo a capire perché piacessero così tanto. Ora lo so.

Figura di cacca del mese

Fine di una giornata di lavoro pesantuccia, ero in fase REM sul treno che mi stava portando a casa e ad un certo punto ho sentito un toc toc sulla spalla. Ho aperto ‘n occhio, era il controllore. Scusi se la disturbo m’ha fatto, e il tono era tutt’altro che gentile. Mizzeca. Ho infilato la mano nella busta in cui ero convinta di aver lanciato il biglietto timbrato, ma non l’ho trovato. Ho aperto la borsa, smucinato nelle tasche dei pantaloni, niente. Panico. Cazzo, il biglietto c’era e me lo ricordavo benissimo. Intanto il controllore mi fissava male, ma male, ma proprio male male male. Dov’è che deve scendere? m’ha detto. Scendo alla prossima, e se trovo il biglietto le faccio pure vedere che l’ho timbrato gli ho risposto io, rigirando borsa, busta, vicino di sedile e intero vagone come pedalini.

Oh, alla fine l’ho trovato ‘sto maledetto biglietto, però il controllore non m’ha dato manco la soddisfazione di scusarsi per avermi trattata come ‘na criminale. Ha annuito e se n’è andato. Che stronzo.

Riassunto del mese

Non mi aspettavo grandi cose da Pasqua, e invece ho recuperato il Natale che aveva fatto schifo. Siamo stati tutti insieme a spacciare uova di cioccolato come se non ci fosse un domani, e soprattutto come se non ci fosse un costume da bagno da indossare tra due mesi.

A lavoro è successo un bordello ed è tornato il periodo dell’anno in cui sono ufficialmente in crisi e odio tutti: ci hanno (ri)proposto un trasferimento di sede. Sono tipo quattro o cinque volte che chiedo il trasferimento in un altro posto, sempre lo stesso, loro mi fanno stare col fiato sospeso fino all’ultimo e poi mi perculano regolarmente. Inoltre mi ritrovo sempre più spesso a confrontarmi con persone che sono chiaramente raccomandate, visto che non capiscono un cazzo di quello che fanno. Non mi agiterei così tanto, se il loro hobby preferito non fosse farmi passare per scema.

Però una cosa positiva c’è stata, in tutto ‘sto casino: l’altra sera sono stata a cena coi miei colleghi, e per me è stata una cosa davvero stranissima e strabella. Nella mia azienda si tende a far pesare le differenze tra una categoria superiore e una inferiore e in certi posti la gente sta proprio alla frutta, roba che non ti parlano perché fai un lavoro meno importante del loro. Nella mia sede non è così, ho un buon rapporto coi miei superiori, con gli amministrativi e con chi fa un lavoro diverso dal mio e per me, che faccio fatica a fare amicizia con chiunque, è una enooorme, gigantesca novità. E’ una cosa che riesce a farmi stare meglio nei momenti in cui spaccherei la tastiera sui denti della gente. Mi sento parte di qualcosa.

Un’altra novità riguarda questo blog: d’ora in poi mi troverai anche tra i travel bloggers del sito Travel365. Ogni mese ognuno di noi proporrà un massimo di cinque articoli del blog, che parteciperanno ad una sorta di gara. L’articolo più votato del mese vincerà un buono Ryanair da 50 euro. E’ una cosa simpatica e mi piace partecipare, ma se vuoi votare per me e farmi vincere fai pure, non mi offendo! U_U

App del mese

Senza dubbio Snapchat, che ho iniziato ad utilizzare proprio in questi due mesi. Presto arriverà il post che ti ho promesso su Facebook, con la guida all’utilizzo di questa app. Se la usi e vuoi aggiungermi, mi trovi anche lì come misazoe13.

Scoperte del mese

Ho scoperto che sono in grado di portare la macchina a fare la revisione senza combinare macelli. Ho scoperto che la pizza fritta di Napoli dà dipendenza e va giù che è ‘na meraviglia e ho scoperto che una torta al cioccolato crudo forse è più buona di quella col cioccolato normale.

 

Come riassumeresti i tuoi ultimi due mesi? Sono stati positivi o negativi, e perché? Cosa hai scoperto, cosa stai leggendo? Lasciami un commento qui sotto, fammi sapere! 🙂