Per il 2 giugno io e Massimo ci siamo concessi una gita fuori porta qua a Roma, e abbiamo scelto la piccola e graziosa Nemi, un bel comune dei Castelli Romani. Oggi ti do quattro motivi per andarci.

gita fuori porta a roma

Nemi è il più piccolo dei comuni dei Castelli Romani, una bellissima zona a sud-est di Roma nota soprattutto per i due laghi, l’aspetto mezzo medievale e i panini con la porchetta. C’hai presente Ariccia? Ecco, la zona è sempre quella.

In uno dei 4 motivi per visitare Nemi ti parlerò anche di cibo, quindi ciancio alle bande: ecco perché dovresti proprio valutare Nemi per una gita fuori porta a Roma.

Gita fuori porta a Roma, Nemi: la vista sul lago

La caratteristica principale di Nemi è la presenza dell’omonimo lago, il più piccolo dei due del Parco dei Castelli Romani. L’altro è il Lago di Albano.

Le due cose che mi hanno colpito subito del lago sono state il suo colore, un turchese che diventa quasi violaceo lungo le coste, e la sua forma. Il lago sembra abbracciare il comune di Nemi da due lati.

gita fuori porta a roma

Da una delle terrazze si riesce a notare il rialzamento dell’intera zona dei Colli Albani rispetto al resto del territorio, probabilmente dovuto alle passate eruzioni del Vulcano Laziale.

Già, perché il Lago di Nemi non è altro che un cratere del vulcano che ha dato origine alla zona dei Castelli Romani e alla sua ricchezza, il vino. Ne ho parlato ampiamente nel post sulla Settimana del Pianeta Terra, se vuoi saperne di più dagli un’occhiata.

gita fuori porta a roma

In fondo, oltre il lago, si vede un pochino il resto della zona che è più bassa rispetto al cratere.

Gita fuori porta a Roma: le fragole di Nemi

Eh sì, Nemi è conosciuta soprattutto per le sue fragole. Se i comuni vicini sono famosi soprattutto per gli ottimi vini e la porchetta (che volendo trovi pure a Nemi), questo paesello dei Colli Albani dà origine a due gustose varietà di fragole: le fragoline di bosco e i fragoloni.

Non a caso l’evento più conosciuto di Nemi è la Sagra delle Fragole, che quest’anno c’è stata dal 27 maggio al 4 giugno, e infatti io e Massimo c’eravamo. Già. Per parcheggiare la macchina ci siamo sparati il paese da cima a fondo per sei o sette volte, ma ne è valsa la pena.

Pensa che esistono anche le fragolare, donne nemesi che sfilano durante la sagra vestite in abito tradizionale.

gita fuori porta a roma

Gita fuori porta a Roma: Nemi e l’abito delle fragolare

Comunque, tornando alle fragole, i nemesi le vendono fresche nei loro cestini, ci fanno dei pasticcini tondi con la crema, le birre, le marmellate, i gelati e i liquori.

Io volevo il dolcetto, che si trova in moltissimi negozietti, ma alla fine è uscita la Anna alternativa che è in me e ho assaggiato il panzerotto alle fragole, visto  in un’unica pizzeria. Un fagottino di pasta fritta riempito con pezzi di fragole, preso alla modica cifra di 1 euro e bono ‘na cifra. Sempre per la serie prova costume chi?!

gita fuori porta a roma

Insomma, se ti piacciono le fragole ti conviene prendere casa a Nemi. Dai retta a zia.

Gita fuori porta a Roma, Nemi: le statue di Luciano Mastrolorenzi

Il centro abitato di Nemi si raggiunge da Via Nemorense, e al tuo arrivo non puoi non passare in Piazza Roma, dove c’è una bellissima fontana. In cima alla fontana svetta una statua in bronzo della dea cacciatrice Diana, donata alla città dall’artista romano Luciano Mastrolorenzi, innamorato perso di Nemi.

La dea è rappresentata nell’atto di correre, con arco e frecce, verso il lago e sembra arrivare dalla Terrazza degli Innamorati, di cui ti parlerò nel prossimo punto.

Ma ci sono altre tre opere del Mastrolorenzi da scoprire a Nemi.

Proseguendo su Corso Vittorio Emanuele, sulla terrazza accanto a Palazzo Ruspoli c’è un’altra statua in bronzo che rappresenta la Grande Madre Terra, sempre opera di Luciano Mastrolorenzi. Questa è arrivata piuttosto recentemente, se non sbaglio nel 2012.

Sempre del Mastrolorenzi sono i Leoni della fontana di Corso Vittorio Emanuele e la fontana della Gorgone Medusa in Piazzetta Ruspoli. Quest’ultima è piuttosto inquietante, ma molto bella.

gita fuori porta a roma

Gita fuori porta a Roma: Nemi e la statua di bronzo della Grande Madre Terra

Gita fuori porta a Roma, Nemi: la Terrazza degli Innamorati e il sentiero lungo il lago

Non so a cosa sia dovuto il nome di questa terrazza, forse c’entra qualcosa con San Valentino visto che la data sulla targa è 14 febbraio 2015.

In ogni caso c’è un altro bel punto panoramico da cui poter ammirare il lago e il punto in cui si trova il Museo delle Navi Romane, dove furono portate le due navi dell’imperatore Caligola recuperate proprio nel lago di Nemi. Purtroppo un incendio le distrusse entrambe nel 1944, ma di recente sono iniziare le ricerche per trovare la terza.

Torniamo alla Terrazza degli Innamorati: a destra c’è la Via Francigena, mentre sulla sinistra della terrazza ci sono delle scale in pietra che scendono verso il lago, e ti consiglio di andarci perché è un percorso davvero suggestivo che attraversa vegetazione e cascatelle d’acqua. Anche lì c’è un bel punto panoramico sul lago, anzi in realtà c’è una vera e propria terrazza secondaria con panchine e tavolini, forse c’è anche un bar ma non mi sono fermata a guardare.

Il percorso purtroppo termina prima di arrivare al lago, o almeno quando ci siamo stati noi era chiuso, ma vale comunque la pena di farci una passeggiata.

gita fuori porta a roma

gita fuori porta a roma

gita fuori porta a roma

Come arrivare a Nemi da Roma

In auto: uscita 5 del GRA, Aeroporto di Ciampino e subito dopo Via dei Laghi, dopo 14 km si arriva al bivio per Nemi (fonte dell’informazione: www.visitnemi.it)

Con i mezzi pubblici: metropolitana fino al capolinea della metro A Anagnina, poi prendi il bus Cotral diretto a Genzano. Scendi al bivio Genzano-Nemi e prendi il bus Schiaffini per Nemi. Orari e informazioni qui.

 

E tu sei mai stato a Nemi o alla Sagra delle Fragole?