#SognandoUnViaggioEuropaRepubblica Ceca

#SognandoUnViaggio: agosto a Praga

Per il #SognandoUnViaggio del prossimo mese ho pensato di organizzare qualcosa per Ferragosto, visto che capita di lunedì. Nei miei sogni avrei un weekend libero tutto per me e preferirei passarlo al fresco, quindi ho deciso che la destinazione sarà la splendida Praga.

[Attenzione: questa rubrica si chiama Sognando Un Viaggio e parla di un viaggio totalmente inventato. Ti mostro solo come organizzerei un weekend a Praga secondo le mie esigenze, e parlo di molte cose che non ho provato direttamente. Questo post non contiene recensioni, né collaborazioni: NON sono stata pagata per parlare delle strutture o dei servizi che nominerò.]

Perché Praga?

Perché l’ho visitata in estate, in inverno e in autunno, ed è una città che visiterei migliaia di volte ancora. Costa poco, le temperature ad agosto sono più che accettabili e il Ponte Carlo assume proprio un altro aspetto col caldo e gli artisti di strada!

Quando partire?

Skyscanner arriva in mio soccorso – oh, mio salvatore! – e mi propone il volo diretto per il weekend di ferragosto, da venerdì a lunedì compresi, a 259.96 euro per due persone, andata e ritorno. La compagnia è la low cost spagnola Vueling, il volo parte da Roma il 12 agosto alle 13.00 e arriva a Praga alle 15.10, mentre per il ritorno del 15 agosto c’è un comodissimo 15.45 – 17.30.

Dove dormire a Praga?

Praga costa poco, l’ho già detto. Per costare poco intendo che con 50-60 euro a notte (in camera doppia) trovi ottimi hotel, anche in centro.

Nei miei tre viaggi ho soggiornato in due hotel piuttosto fuori mano. L’ultima volta sono stata con Massimo all’Hotel Panorama che è davvero ottimo ed economico pur sembrando un hotel di lusso. A Ferragosto costa 60 euro a notte, sta appiccicato alla fermata della metropolitana Pankràc e ad un centro commerciale che ha tutto, supermercato e ristorante italiano compresi. Ha anche un bar e una piscina coperta all’ultimo piano. L’unico problema è che intorno all’hotel non c’è niente, quindi se non hai l’abitudine di morire sul letto alle 21 spaccate come noi e ti piace girare di notte, forse non fa per te.

Personalmente questa volta andrei su qualcosa di più caratteristico: ho trovato l’Hotel U Kràle Karla che mi ispira un sacco! Si trova in un bellissimo edificio risalente al 1639, le sue camere sono arredate con mobili antichi e soffitti dipinti e si trova a pochi passi dal Castello di Praga, in zona Malà Strana. La doppia costa 70 euro a notte su Venere, colazione inclusa. Mi sono già innamorata di quelle stanze e di quelle scale! ♥

Immagine presa dalla pagina dell’hotel sul sito Venere.com

Da assaggiare a Praga

Un altro motivo per cui ogni tanto penso di tornare a Praga è proprio il cibo, nel senso che l’ho vista tre volte, ma ero ancora piuttosto giuovincella ed inesperta e non ho mai assaggiato niente di tipico. Non mi vergogno di dire che ci tornerei semplicemente per un weekend gastronomico.

La cucina ceca è adatta ad un clima freddo ed è molto influenzata da quella tedesca, quindi è piuttosto ricca.

Un piatto che dicono essere un vero e proprio simbolo della Repubblica Ceca è il vepřo knedlo zelo (lo so, sembra una presa in giro, ma si chiama davvero così) composto da maiale, gnocchi di pane (knedlíky) e crauti. Scommetto che le porzioni sono generose come in Germania, e scommetto pure che con la metà di un piatto di quelli ci pranzo tranquillamente. ‘sti ciccioni!

Il trdlo, o trdelnìk, è sicuramente in cima alla classifica delle cose che mi sono persa di Praga: si tratta di un dolcetto tipico della Boemia a base di un impasto simile al pane, che viene cosparso di zucchero o miele, e cannella, e poi viene cotto arrotolato su un bastone di metallo.

Trdelník-Basket-20101

A seguire, non potrei tornare in Est Europa senza provare il gulasch in versione ceca, fatto col manzo e servito anch’esso con i fantastici knedlíky. Me sa che i cechi so’ un po’ fissati con gli gnocchi, ma proprio leggermente.

Dove mangiare a Praga?

I caffè storici di Praga sono posti deliziosi che non hanno niente da invidiare ai loro cugini francesi: elegantissimi e molto piacevoli da frequentare quando fa freddo, secondo le recensioni offrono colazioni, pranzi e cene tipiche ceche da leccarsi i baffi. Uno di quei posti che le patite di #cosebelle su Instagram adorano, in pratica.

Famosissimo il Cafè Louvre, caffè tipico praghese costruito nel 1902 e situato tra Nové Město e Staré Mesto,  ha ospitato tra le sue mura personaggi celebri quali Einstein e Kafka. Offre, oltre alle zuppe, fresche insalate e piatti tipici sia a pranzo che a cena. Per una pausa dolce, invece, glie da giù de torta Sacher (non è la ricetta originale viennese, ma è sempre cioccolato e del resto non ce ne frega una mazza, vero?) e torta della Foresta Nera. Per la mia quarta volta non mi lascerei sfuggire questo paghi uno, prendi tre. Chili. Tutti sul posteriore.

Per quel che riguarda i ristoranti veri e propri ce n’è uno che, tra le recensioni di TripAdvisor, mi ha colpito più degli altri: si chiama U Mlynare. Pare sia specializzato nella preparazione del goulasch e si trova a due passi dal Castello, quindi è facilmente raggiungibile dopo un giro in città.

Cosa vedere a Praga?

Vabbe’, questo posso dirlo: ho già visto la gran parte delle attrazioni di Praga. Almeno una cosa utile l’ho fatta.

Se ci tornassi una quarta volta mi dirigerei di nuovo nella Staroměstské náměstí, la Piazza della Città Vecchia dove si trova l’orologio astronomico: lì ho sempre trovato graziose bancarelle o simpatiche esibizioni a tema storico, vorrei anche rivederla di notte perché ne ho un ricordo un po’ sbiadito. Tornerei sul Ponte Carlo ad osservare la Moldava al buio e infine al cimitero ebraico (Starý Židovský Hřbitov), perché l’ho visto coperto di neve e mi sono emozionata tanto, anche se ero ancora una giovane pirletta.

Old Town Square - panorama 3

Questa volta vorrei proprio fare un bel giro in battello sulla Moldava, perché l’ultima volta ho provato a convincere i miei ad andarci, non ci sono riuscita e me la so’ legata al dito. Infine, se avessi un’altra mezza giornata di tempo vorrei dedicarla al campo di concentramento nazista di Terezin e il suo memoriale. Su TripAdvisor si può prenotare uno dei tanti tour a poco più di 40 euro a testa.

 

Se non sei mai stato nella capitale ceca e vuoi saperne di più, ti lascio il link della mia piccola guida con 10 informazioni da sapere su Praga. Se invece ci sei stato, che mi dici? Come lo vedi un weekend laggiù per scappare dal caldo afoso del Mediterraneo? Ti ispira?