Per fortuna marzo è stato un pochino più clemente rispetto a febbraio. Un mese più emozionante dal punto di vista dei viaggi, visto che sto davvero organizzando quello in Giappone, e pieno di nuove serie TV, ma ora ti racconto tutto! ♥

Le canzoni più ascoltate del mese

Niente da segnalare. L’unica novità è una canzone, anzi, una traccia da due minuti a puzza che credo esista solo in una playlist dei Muse intitolata Feeling Good / Hyper Music.

Si tratta di Please please please let me get what I want e sì, tra un po’ è più lungo il titolo che la canzone. Non vorrei dire una cagata ma credo sia una cover, perché sul tubo ci sono parecchi video con lo stesso titolo.

Serie tv e film del mese

Film: dopo anni di ricerche sono riuscita a trovare, finalmente, la quarta e ultima parte di Hunger Games. Mi è piaciuta un pochino di più rispetto ad Allegiant (ne avevo parlato, non troppo bene, a gennaio) ma non mi ha entusiasmata.

Serie TV: ben tre serie nuove, oltre a Grey’s Anatomy.

Riguardo quest’ultima, la penso più o meno come la pensavo a febbraio, e non voglio spoilerare nulla.

Ho solo una notizia gossippara sulla Minnick. Ho appena scoperto che l’attrice che la interpreta, Marika Domińczyk, è per metà polacca (hai già letto la mia guida su Varsavia, vero?) ed è sposata con l’attore Scott Foley. Chi è Scott Foley? E’ quello che, sempre in Grey’s Anatomy, ha interpretato quello sfigato di Henry Burton, il marito di Teddy Altman che c’è rimasto secco sotto i ferri. Hai capito la raccomandata?

E poi da qualche parte avevo letto che le storie dei personaggi di Grey’s Anatomy si ispirano a quelle personali degli attori che le interpretano. Chissà se è vero. Sarebbe interessante scoprire quanto c’è di Ellen Pompeo nella vita di Meredith, per esempio.

Dicevo che ho aggiunto tre serie nuove. Bene, parliamo di quelle. In un momento di noia pura mi sono sparata The 100, Orange is the new black e Reign uno dietro l’altro.

The 100 parla di un futuro post apocalittico nel quale la Terra è diventata un pianeta inabitabile a causa di una guerra nucleare. I pochi esseri umani sopravvissuti vivono all’interno di un satellite in orbita intorno al pianeta. Secondo la legge che vige a bordo, chiunque può finire in prigione e essere ammazzato per le cose più assurde, anche un piccolo furto. Un bel giorno il governo decide di selezionare 100 giovani “sacrificabili” tra i condannati, e li invia sulla Terra per vedere se è ancora in grado di ospitare la vita.

La storia non è male, però ho visto i primi tre o quattro episodi e lo trovo noioso, soprattutto perché ho notato delle incoerenze. Per esempio, questi mettono piede sulla Terra, che è quasi del tutto radioattiva, e come prima cosa toccano tutto e si fanno un bel bagno nel fiume senza crepare dopo due secondi. Ma certo. E poi, un classicone: la protagonista inizialmente non se la fila nessuno, poi arriva sulla Terra e non solo rimorchia, ma si mette ad abbaiare ordini che tutti eseguono come bravi soldatini. Mah. Per ora l’ho mollato.

Orange is the new black: ne ho sentito parlare praticamente ovunque, e sapevo che prima o poi avrei ceduto. La protagonista è Piper Chapman, una donna dolce e benestante che finisce in un carcere femminile per aver aiutato in passato una narcotrafficante, sua ex fidanzata.

Non so perché, ma pensavo fosse una serie comica, invece è decisamente drammatica e… cruda. Non è per niente male.

Fonte: Pinterest

Infine Reign: è la storia di Maria Stuarda di Scozia, arrivata in Francia per sposare il figlio del re, il principe Francesco, e stringere un’alleanza tra il suo Paese e i francesi. Chiaramente le cose non vanno come dovrebbero ed escono fuori litigi, assassini, scandali sessuali e impicci vari.

Ok, bisogna dire che non amo particolarmente le serie storiche tendenti al romantico. E poi continuo a chiedermi per quale caspita di motivo alcuni personaggi abbiano il nome italianizzato (Maria, Francesco, Enrico), altri abbiano nomi nella lingua locale (Sebastian e Diane de Poitiers) e altri ancora abbiano nomi totalmente a cazzo (tipo una dama scozzese che si chiama Lola, un nome molto scozzese). Infine ci sono personaggi che sembrano privi di sfumature, o buoni-buoni o cattivi-cattivi.

Ecco, nonostante questo, Reign è la serie che guardo più spesso tra quelle nuove. Non chiedermi perché, non ne ho idea.

Libri del mese

Ho scaricato l’ebook di Four, il quarto libro della serie Divergent che racconta la vita di Quattro, il tizio che inciucia con Tris Prior.

Mi incuriosiva una versione della storia raccontata dal protagonista uomo, ma il libro non parla della stessa storia vista da un’altra prospettiva, bensì della vita di Quattro dall’infanzia in poi, del ruolo del padre e di come è finito tra gli Intrepidi. Infatti di Tris si inizia a parlare ben oltre la metà del libro.

Non è un libro che mi esalta particolarmente, ma vedremo come va a finire.

Immagine presa da Amazon

Ho scaricato anche l’estratto di Grey. Sì, esatto, Grey di Christian Grey (avevo già letto i tre libri di 50 sfumature di grigio). Quella è esattamente la stessa storia di 50 sfumature, ma raccontata dal maialone ricco.

Non che la trilogia fosse ‘sta grande opera letteraria eh, ma non penso proprio che acquisterò il libro intero.

Viaggio del mese

Quello che sto organizzando per settembre, il Giappone.

Dovrò rinunciare ad altri viaggetti intermedi, a metà delle mie ferie estive e al mare, e dovrò aspettare quasi ottobre per partire. Però non me ne frega niente. Quest’anno si fa.

Tu non hai idea di quanto mi stia esaltando questa cosa del primo viaggio in Asia, non hai proprio idea. Sarà un vero e proprio evento, non vedo l’ora.

Ho una mezza idea di raccontarti come sto preparando il viaggio, passo dopo passo, le scelte che sto facendo e soprattutto i prezzi delle cose che sto prenotando. Pensavo di farne due o massimo tre post che potrei far uscire da qui a settembre, e di aggiungerli al diario che scriverò al mio ritorno. Mi piace l’idea di renderti partecipe di questa cosa, e sentire chi lo ha già fatto. Mi piacerebbe anche poter rileggere tutto quando tornerò a casa, un po’ come ho fatto col viaggio a Helsinki.

Fammi sapere se può interessarti, lasciami un commento qui sotto!

Figura di cacca del mese

Non una vera e propria figura di cacca, ma ci sono andata molto, molto, mooooolto vicino quando io e mia madre siamo andate a provare le terme al QC Terme di Fiumicino. Presto ti racconterò l’esperienza in un post.

La colpa è sempre sua: #lamutanda. La disgrazia che affligge chiunque chieda un massaggio in un centro termale. Se non sai di cosa sto parlando ti rimando al mio weekend al Victoria Terme.

Diciamo solo che, nel caso del QC Terme, l’inutile indumento aveva una forma strana sia davanti e dietro e non si capiva tanto bene il verso. E diciamo che, dopo ben venti minuti di indecisione, sono riuscita comunque a mettermelo al contrario.

Il post arriverà presto. Stay mutanda.

Riassunto del mese

Non è stato un mese piatto, decisamente. Alti e bassi everywhere.

Cominciamo con una terapia che sto facendo contro la mia amica ansia, e che sta tirando fuori dall’armadio certi scheletri che manco sapevo esistessero.

Al lavoro mi sono incazzata come una biscia in due occasioni. La prima volta per le ferie, perché una mia collega ha pensato bene di prenotarsi le vacanze nel MIO periodo di ferie estive e poi di sottolinearlo per fare in modo che rinunciassi. Giustissimo.

La seconda volta invece è stata colpa dei miei fantastici capi. Fanno i comunicati a membro di segugio e poi si sorprendono se noi poveri beoti non ci capiamo una mazza e chiediamo spiegazioni. Belle cose. Poi dice che una è nervosa e sbarella all’ospedale.

Ma la cosa più bella di tutte è stata senza dubbio questa: domenica ho prenotato il volo per Tokyo. L’ho fatto davvero e ancora stento a crederci.

Fanculo al resto.

Scoperte web del mese

Sara Caulfield è l’unico motivo per cui tornerei su Snapchat, e infatti te la consigliavo pure nel post su chi seguire. Lei è una forza, davvero. Romana, genuina e “terra terra”, una vera viaggiatrice.

Ebbene, Sara è approdata su Youtube col suo video del viaggio alle Filippine. Io l’ho visto e mi è piaciuto un sacco. Visto che c’ero ho comprato pure la sua guida sul Giappone da insider, ho già iniziato a leggerla. ♥

Dal mio Instagram Stories @misazoe13

Commento del mese

Il commento del mese se lo aggiudica Lucia, che commentava così il post #InValigia: i miei souvenir e le loro storie tristi:

Deve essere bellissimo ereditare una scatola piena di vecchie cartoline! Peccato che in famiglia io sia l’unica che viaggia. -.-

 

A te com’è andato marzo? Viaggi in vista ce ne sono?